L’estintore è davvero obbligatorio in ogni luogo di lavoro?


Quando si ha un’attività lavorativa, una delle domande più comuni, per quanto riguarda la sicurezza, è sapere se è obbligatoria la presenza dell’estintore.

L’art. 46.2 del D. Lgs 81/08 prevede che nei luoghi di lavoro il datore di lavoro “devono essere adottate idonee misure per prevenire gli incendi e per tutelare l’incolumità dei lavoratori”, pena l’arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da € 1.315,20 a € 5.699,20.

L’obbligo però scatta laddove l’attività abbia dei lavoratori dipendenti o soci lavoratori così come definiti dall’art. 2 comma 1 punto a) del D.lgs. 81/2008.

Nel caso in cui l’attività lavorativa preveda la presenza del solo titolare non vi è obbligatorietà alcuna.

Nonostante ciò, soprattutto nelle attività che prevedono contatti con il pubblico, ci sentiamo di consigliare la presenza di almeno un estintore nel luogo di lavoro per garantire così l’incolumità e la sicurezza di tutti coloro che sono presenti.