Lo sapevi che dal 1° gennaio 2019 sono entrati in vigore gli aumenti del 10% di tutti gli importi delle sanzioni per la violazione di norme in materia di tutela della salute nei luoghi di lavoro?

 

Come riporta Tecnici24, la banca dati del Sole 24 Ore per l’informazione tecnico-scientifica, grazie all’articolo 1, comma 445, della legge 30 dicembre 2018 n.145 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021” (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.302 – Suppl. ord. N. 62 del 31 dicembre 2018), le maggiori verranno addirittura raddoppiate nel caso in cui, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro sia stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti. 

Si tratta quindi di procedimenti legislativi finalizzati a tutelare salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per cercare di portare tutte le aziende “furbette” a non risparmiare sulla prevenzione, la prima forma di tutela del lavoratore. La sicurezza ed il rispetto delle norme garantiscono ad ogni azienda la giusta prevenzione in merito di sicurezza.